Use your ← → (arrow) keys to browse

alberobello benedetta rossi

Alberobello: prima parte del mio week end in Puglia.

Alberobello. Per staccare la spina dallo smog e dal traffico cittadino, abbiamo pensato di partire per la Puglia. Ad attenderci sono due bellezze del panorama italiano che tutto il mondo ci invidia; Polignano a mare e Alberobello. In questo primo post vi parlerò di Alberobello e nel successivo di Polignano.

Siamo atterrati a Bari con un volo Ryanair  ed abbiamo noleggiato una macchina direttamente all’aeroporto. E’ un sistema molto veloce e che consente di risparmiare rispetto alla prenotazione anticipata on-line. Bari dista da Alberobello 55 chilometri e si arriva in un’oretta al centro della capitale dei trulli.

alberobello benedetta rossi bloggeralberobello trullialberobello panoramaalberobello lookalberobello trulli

Alberobello e i trulli.

Le abitazioni tipiche di Alberobello sono i trulli. Hanno una forma conica e sono realizzati con pietre. In passato erano considerati dei ricoveri temporanei per gli agricoltori, dal 1996 sono patrimonio dell’umanità. I trulli hanno la forma circolare e sono considerati dei moduli, possono essere composti da un unico ambiente (modulo unitario) o dall’accostamento di più ambienti (moduli) realizzati in momenti diversi.

Mentre ero ad Alberobello, mi hanno spiegato che la forma circolare, la presenza della porta e di piccolissimi finestre, sono le caratteristiche che rendono l’abitazione adatta a conservare il calore in inverno e di non disperdere il fresco durante l’estate. I primissimi trulli si diffusero quando in Italia ci fu il frazionamento dei poderi feudali e la necessità di costruire ricoveri per ogni podere.

I primi trulli furoni costruiti dagli agricoltori e dai pastori con le pietre raccolte nel podere stesso. Per legge non potevano utilizzare la malta (che le avrebbe rese abitazioni stabili a tutti gli effetti). Dovevano essere costruiti a secco perché potessero configurarsi come abitazioni precarie e non pagare le tasse sui nuovi insediamenti urbani richieste dal regno di Napoli. Alberobello è stato probabilmente il primo insediamento abusivo della storia!

I pinnacoli dei trulli.

Una curiosità che non tutti conoscono; i tetti a cupola dei trulli sono abbelliti con dei pinnacoli. Ognuno ha una forma ed una dimensione diversa che rappresenta la maestria dell’artigiano che ha realizzato il trullo ed il valore della costruzione. Una maggior spesa per costruire il trullo, permetteva di identificare le famiglie più facoltose dalle altre.

I simboli sui tetti.

Sui tetti dei trulli infine, sono disegnati dei simboli bianchi che servivano per identificare il trullo (un pò come i numeri civici moderni), ma che assumono anche significati religiosi o pagani come ad esempio un modo per scongiurare il malocchio.

alberobello benedetta rossi bloggeralberobello benedetta rossialberobello trulli

OUTFIT 1

Maglione, bomber con collo in ecopelliccia e gonna DONDUP – Stivali TIPE E TACCHI tutto via BIANCO SHOP

OUTFIT2

Maglione fiori DONDUP – Pantaloni GUARDAROBA.TV – Borsa a tracolla ANNAEFFE tutto via BIANCOSHOP 

.

Vi è piaciuto questo post? Se vuoi leggere la seconda parte, puoi cliccare QUI per conoscere il nostro viaggio a POLIGNANO A MARE.

Spero di avervi dato delle indicazioni utili e vi invito a leggere anche gli altri post che riguardano i miei viaggi! Trovate i link qui sotto:

Use your ← → (arrow) keys to browse

0

Leave a Reply

Pin It on Pinterest

Condividi?

Mi farebbe piacere. Tantissimo! :)