Use your ← → (arrow) keys to browse

nosy be benedetta rossi

Look: camicia H&M – cintura Gucci – costume Tezuck

Nosy Be; un tuffo dove l’acqua è più blu!

Nosy Be. Secondo post-racconto di viaggio sul Madagascar. Se non hai letto il primo aspetta a proseguire nella lettura! Comincia dall’inizio, trovi la prima parte cliccando quiSe lo hai già letto invece, oggi ti parlo di Nosy Be, l’isola a nord/ovest del Madagascar che è diventata un punto di riferimento per il turismo internazionale.

Il motivo? Facile da spiegare, si tratta di un isolotto di dimensioni ridotte, abitato da persone estremamente socievoli, con un mare strepitoso e una natura incontaminata. Elementi chiave per attrarre il turista 😉 . Se si aggiunge il fatto che sono stati costruiti dei resort meravigliosi, dotati di tutti i confort, il successo è pressoché garantito.

Conosciamo meglio l’isola di Nosy Be.

Per quanto sia, senza dubbio, più turistica del resto del Madagascar, ci sono tantissimi aspetti che voglio raccontarti che la accomunano all’isola grande di cui ti ho parlato nell’altro post. Inizio dalle informazioni di base. Come si raggiunge? Ci sono 2 modi:

  • in aereo con un volo interno se sei si è già in Madagascar, con un volo intercontinentale se provieni dall’estero.
  • via mare se sei già in Madagascar, imbarcandoti al porto di Ankify.

nosy be aereportonosy be porto ankifynosy be barca a vela

Hell-Ville la città coloniale.

Il principale centro abitato di Nosy Be è la città di Hell-Ville, a nord dell’isola, è stata fondata dall’ammiraglio francese Hell da cui prende il nome. Si trova a poca distanza dall’aereoporto, è la sede del mercato, del municipio ed è qui che puoi fare shopping di prodotti artigianali del posto.

Posso dire che è il centro pulsante dell’isola perché oltre a quanto ti ho già raccontato, c’è anche il porto a cui arrivano e da cui partono le imbarcazioni che accompagnano i turisti a visitare il Madagascar ma anche le navi merci. Inoltre essendo Nosy Be circondata da un arcipelago di altre isole minori è il fulcro per gli spostamenti brevi.

nosy be bambininosy be bambino mercatonosy be benedetta rossi

Look: abitino Isabel Marant – stivaletti Balenciaga

Il riso e le altre coltivazioni.

Nosy Be è un’isola verdissima, con una vegetazione “prepotente” che lascia subito intendere chi sia la vera padrona! Impossibile domare una natura così rigogliosa e lussureggiante. I malgasci lo hanno capito subito e ne hanno approfittato fondando la loro economia sull’agricoltura e sulle coltivazioni.

Io ignoravo che in Madagascar ci fossero le risaie, una volta sul posto ho visto intere regioni lavorate con pazienza e meticolosità dalle donne e dagli uomini del posto. Inoltre essendo il clima molto favorevole, mi è stato spiegato che ci sono 3 o 4 raccolti all’anno. Il sogno di qualsiasi agricoltore!

nosy be campinosy be risonosy be donne risonosy be donna setaccio riso

In questi scatti ho cercato di riassumere la trasformazione dei chicchi in riso. Le donne dopo aver raccolto le spighe, le stendono su un tappeto e le lasciano essicare. Quando sono secche ne sollevano “un tot” con un cestino e le liberano al vento. La parte pesante (il chicco) cade a terra, la parte leggera ovvero quella da cui deve essere pulito il seme vola via, complice il vento.

A quel punto con pazienza e l’uso del setaccio, le malgasce muovono i chicchi rimasti finché non li liberano completamente dalle impurità. Sono stata molto sintetica nella spiegazione ma l’ho trovata talmente interessante quando me l’hanno raccontata che ci tenevo a scriverla 🙂

Caffè, cacao, vaniglia  e cannella.

Se ti piacciono le spezie, Nosy Be ed in generale il Madagascar ti affascineranno perché proprio qui c’è la produzione di questi aromi. I più importati marchi di cioccolateria artiginale francesi, belghi, svizzeri ed i maìtre chocolatier di tutto il mondo, acquistano dal Madagascar le migliori selezioni di cacao per realizzare i loro prodotti.

nosy be cacaonosy be donne malgascenosy be bambina

Gli animali.

Quali animali ci sono a Nosy Be? Se sei curioso di sapere quali puoi riuscire a vedere, ti rispondo subito. Sull’isola ci sono tantissime specie di gechi, camaleonti e rettili. Spostandoti a Nosy Komba, una delle isolette dell’arcipelago, puoi visitare la riserva naturale del lemure Macaco.

A Nosy Tanikely, un’isolotto disabitato che è stato dichiarato parco marino, con un pò di fortuna puoi vedere i pipistrelli giganti o volpi giganti. Qualora la dea bendata non sia dalla tua parte, puoi ripiegare sullo snorkeling che in questa zona regala sempre grandi soddisfazioni!

nosy be camaleontenosy be baobabnosy be tramonto

Infine (ma assolutamente non per importanza), ti consiglio Nosy Iranja, l’isola più suggestiva dell’arcipelago, famosa perché è stata scelta da centinaia di tartarughe marine per deporvi le uova.

Palm Beach – Veratour.

Dedico l’ultimo paragrafo del post al villaggio Palm Beach e a Veratour che mi hanno regalato un sogno e permesso di vivere un’esperienza meravigliosa!

Il resort sorge sulla spiaggia, è dotato di tutti i confort, davvero TUTTI, incluso un centro benessere (con delle estetiste dalle mani fatate) ed un cuoco italiano. Quindi sono certa che anche i più esigenti saranno accontentati in ogni loro richiesta!

nosy be palm beach

Font image: veratour.it

nosy be palm beach veratour

Font image: veratour.it

nosy be veratour benedetta rossinosy be alta mareanosy be spiaggia palm beachnosy be fiorinosy be palm beach pranzo

Ti posto il video del nostro arrivo per farti capire il paradiso che ti aspetta!

 

Infine un grazie a Nikon che è stato partner di questo viaggio e lo sarà anche dei prossimi che ho in programma!

 

nosy be benedetta rossi nikon

Sono arrivata alla fine di questo racconto e ammetto che ho una stretta al cuore… Alcuni luoghi sono capaci di conquistarti e rimanere in un angolino del nostro cuore.

Sarà merito delle persone, della natura o delle emozioni vissute? Credo un pò di tutte queste cose, fatto è che ho voglia di conoscere anche il sud del Madagascar!!!

Non mi resta che augurarti buon viaggio e se hai voglia di leggere di qualche altra mia avventura, ti lascio alcuni link:

Use your ← → (arrow) keys to browse

0

Pin It on Pinterest

Condividi?

Mi farebbe piacere. Tantissimo! :)