Use your ← → (arrow) keys to browse

senegal mare benedetta rossi blogger

Rotolando verso sud.

Senegal mare. Buongiorno amici! E’ arrivato il momento di raccontarvi l’ultima parte del mio viaggio in Senegal ma prima vi ricordo i link dei post che parlano delle prime tappe, basta che ci clicchiate sopra per leggerli: Dakar la porta d’entrata dell’Africa nera, Senegal, una terra di colori e sorrisi.

Come vi avevo anticipato, il Senegal è una terra dai mille scenari. Il clima ed i panorami cambiano man a mano che ci si sposta verso sud. Il mio viaggio ha seguito la rotta che ho evidenziato nella cartina (la riporto qui per semplicità).

senegal mare itinerariosenegal mare pescatori

Senegal mare e natura incontaminata.

La zona a nord è quella più occidentalizzata, scendendo verso la Guinea ci si addentra sempre più nell’Africa vera. I turisti diminuiscono e la natura ha il sopravvento. Percorrendo la strada che costeggia il mare, si incontrano moltissimi villaggi di pescatori. La pesca, è infatti, il lavoro della maggior parte degli abitanti della zona.

senegal mare barchesenegal mare bambinasenegal mare pannisenegal mare sguardi

Tutte le attività ruotano intorno al mare e a quello che è in grado di offrire. Io ho alloggiato presso lEco Lodge De Palamrin, una struttura che si trova all’estuario del fiume Saloum. La sua posizione è molto comoda per visitare l’entroterra e l’isola di Saloum.

Eco lodge De Palmarin.

Se volete vivere (sottolineo la parola), il Senegal mare, immergendovi appieno nell’atmosfera e nella cultura del posto, questo lodge è perfetto per voi. Vi posto alcune foto per raccontarvi il luogo.

senegal mare eco lodge palmarinsenegal mare piscina le palmarinsenegal mare spiaggiasenegal mare granchio unosenegal mare granchio due

Natura incontaminata e relax, no wifii e fretta. Qui i ritmi sono governati dal sorgere e dal calare del sole. Avrete l’opportunità di vedere tantissimi animali che vivono nella zona e di organizzare delle escursioni naturalistiche.

Il baobab.

Questa pianta è il simbolo della longevità, la sua altezza varia dai 5 ai 25  metri ed il diametro del tronco può raggiungere i 7 metri. E’ un albero molto amato in Africa, tanto da avere una leggenda (tramandata oralmente dai saggi dei villaggi), che ne racconta le origini.

Tale leggenda narra che quando Dio creò la terra, affidò ad ogni animale una pianta, il baobab toccò alla iena che però lo trovò inutile e lo gettò via. L’albero atterrò capovolto, con le radici verso il cielo. Questa spiegazione sottolinea la stravaganza della chioma; i rami sono corti e tozzi, tutti concentrati nella parte finale del tronco e per lunghi periodi dell’anno privi di foglie, tanto da sembrare delle radici.

senegal mare baobab

Altra caratteristiche di questa pianta che la rende adatta a vivere in zone aride, è che può stare fino a 10 anni senza acqua. Per resistere alla siccità fa provvista della poca acqua piovana, attraverso il suo tronco poroso che può arrivare a contenerne 100 mila  litri.

Ultima curiosità, lo sapete che l’interno del tronco è vuoto? Un’immensa cavità in cui si può entrare e dove trovano riparo pipistrelli ed altri animali. Questo perché la corteccia del baobab è ignifuga e quando ci sono gli incendi, l’albero continua a vivere anche se brucia la parte interna del tronco.

Quello che vedete in foto è uno dei baobab più grandi al mondo e si trova in Senegal, lungo la strada che conduce a Le Palmarin.

Stavo quasi per dimenticarmi di dirvi che da questa pianta, si ricava il succo di Baobab che è ricchissimo di calcio, ferro, rame, potassio, zinco e magnesio. E’ ideale per recuperare energie e combattere la spossatezza, oltre ad aiutare la digestione ed essere buonissimo!

senegal mare baobab succo

Isola di Saloum.

Nel mio viaggio alla scoperta del Senegal mare, una tappa l’ho dedicata all’isola di Saloum, classificata riserva mondiale della biosfera e patrimonio dell’umanità. Il modo migliore per visitare il delta del Saloum è con le piroghe che permettono di addentrarsi tra le mangrovie e vedere tantissimi uccelli.

senegal mare pellicanisenegal mare saloumsenegal mare tramonto

La lotta senegalese.

Oltre alle bellezze naturali, in questa zona del Senegal, è estremamente affascinate assistere alla lotta tradizionale. Si tratta di una disciplina estremamente seguita in tutto il paese. I lottatori che vincono i vari campionati diventano delle celebrità, un pò come da noi i calciatori.

Nel sud del Senegal, ogni villaggio ha il proprio campione. Vengono organizzati e disputati degli incontri per decretare il vincitore che gareggerà nelle principali città senegalesi. Non pensate ad una lotta con pugni, ferimenti e spargimento di sangue.

senegal mare lottasenegal mare lotta unosenegal mare atletisenegal mare lotta incontrosenegal mare lotta sabbia

Si tratta di uno spettacolo che si svolge seguendo un iter ben preciso. Innanzitutto l’incontro è preceduto da una cerimonia in cui i griot (da noi sarebbero i membri della banda di paese) suonano i tamburi, le donne cantano ed il marabout, ovvero il santone del villaggio, benedice i lottatori.

Successivamente i lottatori compiono dei riti propiziatori, che possono consistere in danze, nello spruzzarsi il corpo con del latte (per ingraziarsi la vittoria) o nel mostrare amuleti. Quando si entra nel vivo del combattimento, si assiste ad una lotta corpo a corpo che si svolge a mani nude nella sabbia. Il duello termina con l’atterramento di uno dei due lottatori.

senegal mare visisenegal mare spettatorisenegal mare bambine

Sono giunta alla fine di questo racconto e del meraviglioso viaggio in Senegal, grazie per avermi fatto compagnia! Se vuoi ricevere maggiori informazioni relative all’organizzazione del tuo viaggio in Senegal, ti consiglio di contattare l’Ente del Turismo Senegalese cliccando qui.

senegal mare benedetta rossi resort

Se invece vuoi leggere di qualche altro mio viaggio ti lascio alcuni link:

Use your ← → (arrow) keys to browse

0

Leave a Reply

Pin It on Pinterest

Condividi?

Mi farebbe piacere. Tantissimo! :)