Use your ← → (arrow) keys to browse

trento benedetta rossi blogger

Trento e Rovereto. Cosa vedere in un week end lungo?

Trento. Stai pensando di organizzare un long week-end in Trentino ma non sai esattamente cosa potrai vedere? Ti domandi se il posto è adatto ai bambini o cosa fare per passare delle giornate romantiche in compagnia della tua dolce metà? Questo post è perfetto per te!

Sono appena rientrata da alcuni giorni di relax tra Trento e Rovereto ed ho trovato degli spunti molto interessanti che voglio condividere qui sul blog.

Trento.

Comincio parlando di Trento perché è stata la base di partenza delle mie escursioni quotidiane. La cittadina è a misura d’uomo e le distanze ravvicinate tra i vari punti d’interesse, consentono di visitarla a piedi. Ci sono moltissimi negozi, caffetterie e localini tipici che accolgono il cliente quando la temperatura esterna diventa troppo rigida.

Suggerisco una colazione in Piazza Duomo per assaporare l’aria frizzantina del mattino bevendo un caffè all’ombra delle vicine montagne. Ci si può tornare la sera per osservare i giochi di luci proiettati sulla facciata di San Vigilio e in questo periodo ammirare l’albero di Natale! La piazza è la stessa ma cambia completamente dalla mattina alla sera.

Se cerchi un ristorante accogliente, elegante ma senza strafare, puoi andare Ai Tre Garofani. Si trova in centro ad un passo dal mercatino di Natale.

trento chiesatrento palazzotrento palazzo centro

Il mercatino di Natale.

Dato che ho nominato il mercatino di Natale, proseguo il post proprio con lui o forse dovrei dire loro, perchè ce ne sono due. Il più antico in Piazza Fiera ed il più nuovo in Piazza Cesare Battisti. Entrambi sono aperti dal 24 novembre fino al 6 gennaio e sono il paradiso degli amanti del Natale, dei prodotti tipici e dei golosi 😉

Oltre all’artigianato locale ci sono infatti moltissime casette che vendono polenta, vin brulé, dolci ed altre prelibatezze trentine. Chiudono abbastanza presto (almeno ufficialmente, perché in realtà ci sono sempre degli avventori che non ne vogliono sapere di andare a casa!), tu tieni come riferimento le 19:30.

trento benedetta rossitrento dolci

 

Nel periodo Natalizio, ma anche al di fuori, ci sono tantissime attrazioni, alcune più note, alcune meno. Inizio raccontandoti di una delle eccellenze della città e dell’Italia.

Il Muse.

Il museo delle scienze realizzato da Renzo Piano è sicuramente il fiore all’occhiello dei musei interattivi. Il visitatore è stimolato ad interagire con l’ambiente che lo circonda e percorrendo i 6 piani dell’edificio, si viene catapultati “in mezzo” alla fauna ed alla flora. Non esistono barriere ed allungando una mano si potrebbe toccare quanto è esposto.

Uso il condizionale perché ovviamente non lo si deve fare, però mi piace sottolinearlo perché si tratta di una forma di comunicazione nuova rispetto ai musei tradizionali in cui ogni cosa è esposta all’interno di una teca.

trento musetrento muse edificio

trento muse balena

Il percorso consigliato per vivere appieno il museo, parte dall’alto fino ad arrivare al piano terra. Le soste che potrai fare sono tantissime perché in ognuno dei 6 piani, sono presenti delle aree interattive in cui sperimentare quanto hai visto esposto.

La mia preferita è senza ombra di dubbio quella del Fab Lab, un laboratorio di fabbricazione digitale in cui si può provare la stampante in 3d, il taglio laser e la robotica. Inoltre per i più piccoli, ci sono tantissimi laboratori che gli consetiranno di conoscere… alla loro maniera!

TrentoDoc.

Se ti intendi di vino o vuoi semplicemente imparare qualcosa in più sulle etichette prodotte in Trentino, all’interno del Palazzo Raccabruna, ha sede l’Istituto TrentoDoc. Qui si trova una delle enoteche più fornite della zona, in cui potrai degustare le 50 etichette che fanno parte del consorzio TrentoDoc.

Inoltre vengono spesso organizzati eventi eno-gastronomici per abbinare la tavola al vino. Tieni monitorato il calendario al link che ti ho inserito per essere sempre aggiornata/o e prenotare la tua serata.

Secondo me è un’ottima idea per fare una sorpresa alla tua metà!

trento palazzo roccabrunatrento trentodoc

Trento alta.

Per vedere la città dall’alto e vivere un’esperienza inusuale, bisogna andare a Trento alta. Raggiungerla è semplicissimo, basta che ti rechi alla partenza della funivia ed in 3 minuti sarai sulla collina che domina l’intera vallata!

Se vuoi approfittarne per pranzare guardando il panorama, puoi prenotare al Bistrot Trento Alta, un locale super accogliente informale con piatti della tradizione ottimi.

trento panoramatrento vistatrento alta bistrot

Castello del Buonconsiglio.

Quando si varca la soglia del Castello del Buonconsiglio, sembra di fare un tuffo indietro nel tempo! Ogni stanza racconta una storia e vale davvero la pena visitarlo, percorrere le sue scale ed arrivare fino in cima.

Approfittane per sognare guardando il soffitto delle stanze, ognuno è diverso dall’altro e gli affreschi sono meravigliosi. Ti metto qualche foto di seguito per darti un’idea di cosa ti attende.

trento castellotrento affreschi

Rovereto.

A circa 20 chilometri da Trento, si trova il paesino di Rovereto. Ti consiglio di visitarlo perchè anche qui, si trovano alcune eccellenze italiane. Come a Trento, se decidi di recarti nel periodo natalizio, troverai un bellissimo mercato di Natale ma non solo. Si tratta infatti di un mercatino con prodotti provenienti da tutto il mondo!

trento rovereto mercatino nataletrento rovereto

Torrefazione Bontadi.

Lo sapevi che a Rovereto ha sede la più antica torrefazione italiana? Io ne sono rimasta davvero stupita! Non so per quale ragione, ma associavo una torrefazione ad un luogo caldo. Al contrario proprio qui in Trentino, nel 1875 è stata realizzata la prima macchina del caffè. Ne esistono solo 3 esemplari im tutto il mondo, di cui una conservata nel museo della collezione Bontadi.

La torrefazione era nata come drogheria nel 1790, poi nel 1850 è diventata una torrefazione artigianale ed infine nel 1850 una torrefazione a tutti gli effetti.

trento bontadi

bontadi gaggia

Exquisita.

Altra eccellenza del territorio è il laboratorio di cioccolateria Exquisita nato nel 1920 dall’idea del nonno dell’attuale proprietario.  Portato avanti dagli eredi fino ad arrivare a Walter che ha reso l’attività contemporanea aprendo l’e-commerce e prestando tantissima attenzione al design con cui vengono realizzati i packaging oltre che al prodotto stesso.

Per trasmettere la passione, le tecniche e gli abbinamenti del cicccolato, Walter organizza una lezione interessantissima che si chiama “Sulle rotte del cioccolato”, se sei interessata/o prenotati perchè c’è sempre la fila!

La caratteristica che rende Exquisita così speciale, è che trattandosi di un laboratorio, realizzano degli abbinamenti davvero inconsueti con il cioccolato per creare dei connubi che a contatto con il palato, sono una vera delizia.

Se capiti a Venezia a Palazzo Ducale, per esempio, assaggia i cioccolatini avvolti nella cartina logata con lo stemma della Fondazione dei Musei Civici di Venezia e fammi sapere cosa ne pensi… E’ una creazione di Walter Tomio di Exquisita, appositamente pensata e realizzata su commissione del MUVE.

Casa d’arte futurista Depero.

Se sei appassionata/o d’arte non puoi perderti la visita del museo in cui sono esposte in modo permanente le opere dell’artista Fortunato Depero. Fa parte del Mart ma si trova in centro a Rovereto, quindi devi programmare una visita a parte.

rovereto museo depero

Mart.

Il Mart ovvero il Museo di Arte Moderna di Trento e Rovereto, ospita sia collezioni permanenti che temporanee. Quando sono stata io per esempio, una delle mostre temporanee era dedicata a Margherita Sarfatti, una delle galleriste italiane più famose del 900.

Sul sito del museo si trova la programmazione delle mostre e si può programmare la propria visita a Rovereto tenendo conto anche di questo 😉

 

Sono arrivata alla fine del post e spero di averti incuriosito raccontandoti come ho vissuto io questa zona del Trentino! Non mi resta che augurarti buon viaggio e rimandarti ai link a seguire per l’organizzazione.

Trentino Guest card.

Stavo quasi dimenticandomi di dirti di acquistare la Trentino Guest Card appena arrivi. Con questa carta avrai diritto a muoverti con i trasporti pubblici urbani ed extraurbani di Trentino Trasporti (Trento, Rovereto, Alto Garda e Pergine), ad accedere ai musei, ai castelli, ai parchi naturali ed altre attrazioni!

Informazioni utili.

Qualora decidessi di programmare una vacanza in questa zona, ti suggerisco di contattare l’ente del turismo di Trentino per avere tutte le informazioni che possono esserti utili. Inoltre puoi far riferimento all’APT di Trento e a quella di Rovereto per organizzare le escursioni in loco.

Se vuoi leggere di qualche altro mio viaggio, a seguire trovi alcuni link diretti con le mie avventure:

Use your ← → (arrow) keys to browse

0

Pin It on Pinterest

Condividi?

Mi farebbe piacere. Tantissimo! :)